La corsa degli scalzi

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

    Con profondo dolore in questo giorno triste per il nostro Paese, siamo vicini ai nostri connazionali colpiti violentemente dal terremoto,
che ha stroncato tante vite e lasciando ai miracolati solo tanto dolore e sofferenza e  una intera vita di sacrifici ridotti in macerie.
Convinti che la forza d'animo e la fratellanza spazzeranno via le nubi di questa disgrazia, nella ricorrenza della festività religiosa della "Corsa degli scalzi" in onore del Santissimo Salvatore correremo in processione e in preghiera uniti in unico pensiero dedicato a Voi, Cari Fratelli.

Che San Salvatore vegli su di voi! e il Nostro grido di speranza al Nostro Salvatore echeggi nei Vostri cuori:
Evviva Santu Srabadoi!


La corsa degli Scalzi

Ogni anno nella prima domenica di settembre ricorre la festa di San Salvatore. Centinaia di fedeli di Cabras, nel sabato che precede la prima domenica di settembre  accorrono per portare il Simulacro di San Salvatore in processione di corsa inneggiando il Suo Nome, indossando rigorosamente un saio bianco  e scalzi,  attraversando di corsa i sentieri sterrati del Sinis, nel villaggio di San Salvatore, dove vengono celebrati i festeggiamenti del Santissimo,  per poi riaccompagnarlo il giorno seguente nella Chiesa di Santa Maria Assunta. Centinaia di uomini, ragazzi, bambini... l'esercito del Salvatore che in un unica bandiera tra il sudore e la fatica calpesta l'asfalto, bollente e ispido, e il sentiero sterrato alzando un polverone che spazza via la discordia, percorre la via del sacrificio per gettarsi tra le braccia della fede.

                                           

Sabato 3    e   Domenica 4   Settembre 2016

 
07/09/2016, ore
Torna ai contenuti | Torna al menu